Posa in opera dei serramenti: norma UNI 11673-1:2017

Posa in opera dei serramenti: norma UNI 11673-1:2017

Qualità dei materiali e conformità ai nuovi standard energetici e acustici europei sono certamente elementi imprescindibili per classificare le diverse tipologie di infissi in legno e serramenti, ma tuttavia non del tutto sufficienti a fornire una valutazione tecnica adeguata se non si considera un altro aspetto altrettanto fondamentale: la posa in opera.

Comprare Follower, Comprare Like, Social Media Marketing

Quanto importante sia la fase di installazione al fine di ottenere elevati livelli di efficienza termoacustica dei serramenti ce lo ricorda la norma UNI 11673-1:2017 intitolata “Posa in opera di serramenti – Parte 1 Requisiti e criteri di verifica della progettazione”. Questa norma si pone come obiettivo quello di fornire in maniera lineare a serramentisti, posatori e progettisti le modalità di progettazione ed esecuzione della posa e con quali materiali. Il motivo è chiaro: un installazione degli infissi non a regola d’arte rischia seriamente di compromettere le performance di un serramento.

Nel dettaglio, i punti chiave della norma UNI 11673-1:2017 sono:

  • gli standard per la progettazione della posa in opera finalizzati ad ottenere prestazioni termoacustiche non inferiori a quelle certificate per il serramento;
  • quali devono essere le caratteristiche dei materiali di sigillature e riempimento;
  • come risolvere le situazioni di criticità nel caso di sola sostituzione di infissi esistenti.

Seppur non obbligatoria, la norma UNI 11673-1:2017 rappresenta dunque un importante punto di riferimento normativo anche per Modesti Srl, leader nazionale nella produzione di infissi esterni in legno, legno-alluminio, portoni blindati, avvolgibili ecc, proprio in quanto produttore di serramenti. Quest’ultimi, infatti, sono tenuti a fornire tutte le istruzioni per la posa in opera dei loro infissi e del controtelaio, soprattutto in caso di sola sostituzione e surrogazione del progettista.

È doveroso ricordare, infine, che ad integrare la suddetta norma saranno a breve approvate anche le parti 2 e 3, rispettivamente requisiti di conoscenza, abilità e competenza del posatore e caratteristiche essenziali dei corsi di formazione per la qualificazione degli operatori.