La Calandratura e il taglio lamiera – Franchino Srl

La Calandratura e il taglio lamiera – Franchino Srl

Ci sono moltissimi modi per lavorare materiali ferrosi (es. la Calandratura o il taglio al plasma) come sbarre di ferro o lamiere, poiché il metallo si può sia tagliare che deformare a proprio piacimento. Se si è in possesso dei macchinari giusti si possono ottenere differenti lavorazioni dallo stesso pezzo, andando a ridimensionarlo e piegarlo a seconda delle esigenze della ditta o del cliente per cui si sta lavorando.

Comprare Follower, Comprare Like, Social Media Marketing

Tipi di Piegatura

Esistono molti modi per deformare e sagomare una lamiera, come:

Calandratura

Uno dei metodi più conosciuto per deformare il metallo è la Calandratura, un tipo di lavorazione usata in carpenteria. Questo tipo di lavorazione è possibile solo grazie alla Calandra, composta da tre rulli riscaldati di solito o in acciaio o in ghisa, mossi da un motore che permette ai rulli di girare. Quando i fogli di metallo vengono posti all’interno, grazie alla curvatura dei rulli il metallo si deforma e si modella a seconda della vicinanza tra di essi, arrivando a crear coni, condotte metalliche, cilindri e anche sagomature di sezioni trasversali.

Piegatura in aria

Permette di piegare lamiere anche di grosso spessore e ottenere angoli diversi ma con una maggior difficoltà a trovare la giusta penetrazione del puntone.

Piegatura a fondo cavo

Sicuramente di maggior precisione e di ripetibilità più costante ma con necessità di applicare una maggior forza.

Curvatura Profilata

La curvatura dei profilati avviene attraverso appositi macchinari che impiegano tecniche avanzate di precisione, per deformare il materiale e conferirgli una determinata curvatura in base a parametri specifici. Anche di grandi sezioni.

Pressopiegatura

Con l’impiego della pressa piegatrice il materiale viene sottoposto a una deformazione, così da ottenere semilavorati piani, a “U” o a “V”, a seconda che in corrispondenza della piega si presenti o meno un angolo di raccordo.

Tipi di Taglio

Anche i tipi di taglio sono molti e differenti tra loro:

Taglio Water jet

Il taglio Water jet è un nuovo metodo di taglio che avviene a freddo grazie l’utilizzo di un getto d’acqua abrasivo ad altissima pressione, quasi tre volte la velocità del suono. La rimozione di materiale avveniva  per abrasione e rimozione. Se ci si trova davanti a materiali più resistenti e il solo getto d’acqua non basta, ci si può aggiungere all’interno del materiale abrasivo come la sabbia o roccia finemente tritata. Permette di tagliare qualsiasi forma con una precisione di taglio elevata, non produca deformazione derivate da calore, non ha bisogno di ulteriori lavorazioni successive e crea uno scarto davvero minimo.

Taglio a seghetto

Il taglio a seghetto viene impiegato per regolare la velocità di taglio della lamiera. Con il suo movimento dall’alto verso il basso, il seghetto effettua un taglio verticale che può partire solo dal bordo della lamiera.

Ossitaglio

L’ossitaglio si effettua utilizzando contemporaneamente una fiamma ossiacetilenica e un getto di ossigeno puro. Si basa sul principio che i materiali ferrosi che contengono carbonio bruciano se si trovano in un’atmosfera di ossigeno.

Cesoiatura

Attraverso l’impiego della cesoia motorizzata, una macchina composta da due lame, si ottiene un taglio verticale preciso e senza sbavature, permettendo così la lavorazione in serie.

Taglio al plasma

Avviene tramite una torcia al plasma che fonde il materiale nella zona a cui viene a contatto. Il calore del plasma permette il taglio poiché porta il materiale al suo punto di fusione e a volte anche a quello di ebollizione questo permette di smaltire e recuperare i metalli rendendolo un metodo ecologico. Questo ti po di lavorazione deve richiedere una particolare attenzione da parte di chi la utilizza, poiché crea emissioni di vapore, l’esposizione a forti luci, rumori assordanti e passaggio di corrente ad alto voltaggio.