Il Jazz di Sherazar Williams incanta Sorrento

Il Jazz di Sherazar Williams incanta Sorrento

Un’ode ad Ella Fitzgerald, Louis Armstrong, Doris Day, Dinah Washington e tantissime altre famose icone del caro vecchio Jazz, una ventata di emozioni portata da una voce singolarissima nata in Brasile: Tanya Crispino, in arte Sherazar Williams. La giovane cantante ci riporta indietro nel tempo e ci fa assaporare le note del vecchio Jazz che purtroppo pochi artisti ripropongono, ma che a quanto pare è ancora molto gettonato ed apprezzato da chi ha buon gusto musicale. A quanto pare, l’idea innovativa di quest’artista, sta riscuotendo successo oltre che a Napoli, anche a Sorrento e provincia, dove i turisti, attratti dalla voce calda e dalla sua pronuncia impeccabile, affollano le location dove si esibisce.

Comprare Follower, Comprare Like, Social Media Marketing

Ma come è fiorita quest’artista ? Residente ad Arzano, provincia di Napoli, ma nata a Salvador de Bahia, a quanto pare è stata notata e lanciata da un’importante figura della musica Gospel. Nel 2016, infatti, la giovane cantante decise di contattare Cheryl Porter (famosa cantante Gospel, vocal coach influente e autrice recentissima de ” Il cerchio della vita”, colonna sonora del remake ” Il re Leone “, tratto dall’omonimo film di animazione della Walt Disney) per avere lezioni di canto e la Porter, dopo aver visualizzato alcuni video ed essersi accertata della sua voce calda e particolare, decise senza alcun dubbio di renderla partecipe nel suo splendido coro Gospel: gli “Hallelujah Gospel Singers“, coro composto da ragazzi talentuosissimi e che abbiamo avuto il piacere di vedere in talent show come The Voice, X-Factor e “Amici” di Maria De Filippi. Insieme, hanno esordito nel 2017 con un’esibizione importantissima in Vaticano nel in aula Nervi, trasmessi in mondo visione su Canale 5 e in udienza privata con Papa Francesco.

Insomma, ancora una volta abbiamo avuto la riprova che Napoli partorisce talenti di un certo calibro e il sogno di questa giovane cantante ci fa ben sperare che il Jazz, in tutta la sua essenza, possa continuare a vivere grazie anche a questi nuovi talenti.