I BUONI PROPOSITI DI GENNAIO, CON HAPPY FAMILY GRAJAÙ ONLUS VALGONO DI PIU’

I BUONI PROPOSITI DI GENNAIO, CON HAPPY FAMILY GRAJAÙ ONLUS VALGONO DI PIU’

Al Teatro Centrale il party d’inverno per sostenere i progetti dell’Onlus dedicati ai bambini con una maglietta celebrativa

Comprare Follower, Comprare Like, Social Media Marketing

 

28 gen. – Metti insieme un gruppo di amici, una grande sogno e un lavoro all’interno del volontariato che dura da oltre dieci anni e ottieni Happy Family Grajau (HFG). Una Onlus che si occupa principalmente di bambini, adolescenti e delle loro famiglie e nel corso degli anni ha fornito aiuti di varia natura, spesso anche attraverso attività di volontariato da parte dei propri componenti. Sono tantissimi i progetti nati in questo decennio, per supportarli e per farli conoscere in modo divertente è stata realizzata una maglietta celebrativa che verrà venduta venerdì 31 gennaio al Teatro Centrale di Roma (Via Celsa 6) in occasione del party d’inverno dell’associazione. Con un’offerta di base a partire da 30 € e dalle 20.30 la grande Famiglia di HFG festeggerà con chi l’ha supportata e soprattutto con chi ancora non sa che per far del bene a volte basta davvero poco, i traguardi raggiunti e soprattutto le sfide di questo nuovo anno. Happy Family Grajau opera sia in Italia ed in particolare a Roma (significativa la collaborazione con l’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù di Roma e l’Istituto Neurotraumatologico Italiano, ma non solo), che all’estero dove sostiene attivamente le missioni delle Suore Dorotee di Don Luca Passi e nello specifico con il Centro educativo “Santa Dorotea”, che si trova nel Parque Residencial Cocaia (zona di Grajaù), uno dei quartieri più degradati e poveri della periferia sud di San Paolo del Brasile, con un alto indice di criminalità e violenza. Grazie al lavoro dei volontari e delle sorelle della missione oltre 180 ragazzi, tra i 6 ed i 15 anni, occupano il tempo “non protetto” dalla scuola in attività didattiche e sportive; dove HFG ha ristrutturato tra le altre cose, le palestre, le aule ecc in modo che il Centro diventasse un luogo di aggregazione sociale del quartiere. Tornando all’Italia HFG ha donato un camper pediatrico in grado di aiutare i bambini che hanno difficoltà – economiche, logistiche ecc – per poter ricevere le cure più adeguate, anche a domicilio. Nuova anche la collaborazione con l’Umberto I, anch’essa nata per aiutare e migliorare la vita dei piccoli degenti.

Ogni due anni, HFG realizza due borse di studio per altrettanti ragazzi che hanno l’opportunità di sviluppare, e conoscere i propri talenti con un soggiorno studio in Italia. L’ultimo progetto attivato è nato dopo un viaggio di Stefano Fazi, Andrea e Simone de De Petris (tre dei fondatori dell’Onlus) a Bukavu una città della Repubblica Democratica del Congo, nel villaggio di Mbobero situato nella regione orientale del paese. Vedere quei luoghi in prima persona ha convinto gli amici di HFG, di portare l’“Happy style” in un terra martoriata dalle guerre civili attraverso il supporto alla realizzazione dell’Ecole Primaire (con grembiuli, materiale didattico, banchi, ecc..) e soprattutto garantendo per cinque anni l’alfabetizzazione e l’istruzione di base, uniche ancore di salvezza per sottrarsi alla povertà assoluta e alla necessità di svolgere lavori in condizioni disumane. Una goccia in un mare enorme in cui c’è e ci sarà sempre tanto da fare, ma senza quella goccia …