DIGITAL&BIM ITALIA 2019 L’edilizia ridisegna il proprio futuro. Dalla produzione alla progettazione: gli imprenditori italiani iniziano ad abbracciare la rivoluzione digitale e il BIM. E nel 2020 spazio a intelligenza artificiale e realtà aumentata

DIGITAL&BIM ITALIA 2019 L’edilizia ridisegna il proprio futuro. Dalla produzione alla progettazione: gli imprenditori italiani iniziano ad abbracciare la rivoluzione digitale e il BIM. E nel 2020 spazio a intelligenza artificiale e realtà aumentata

Digitalizzazione e innovazione per l’ambiente costruito tornano protagoniste a BolognaFiere il 21 e 22 novembre con un appuntamento dedicato. Obiettivo: capire i trend del momento e le opportunità di domani

Comprare Follower, Comprare Like, Social Media Marketing

 

Milano, 19 novembre 2019 – La tecnologia e la digitalizzazione hanno trasformato anche il settore delle costruzioni e dell’impiantistica. E i risultati iniziano a vedersi. Alcuni esempi? Secondo l’analisi effettuata da Senaf in occasione di DIGITAL&BIM ITALIA 2019, l’appuntamento dedicato esclusivamente alla digitalizzazione e all’innovazione per l’ambiente costruito (BolognaFiere, 21 e 22 novembre), il 40% degli imprenditori che si occupano di produzione e distribuzione di prodotti per l’edilizia ha avviato in questi anni (molto o abbastanza) un processo di trasformazione digitale, mentre solo il 22% è ancorato ai vecchi standard. Ad oggi le aziende hanno introdotto principalmente soluzioni per la sicurezza informatica (76%) e la connettività (65%), ma entro il 2020 si punterà sull’intelligenza artificiale e la realtà aumentata, al momento ancora poco impiegate.

Ma se l’innovazione ha trasformato il modo di produrre, neppure la parte progettuale è rimasta immune, anzi. Progettare un edificio utilizzando “oggetti” virtuali 3D che contengano non solo il disegno e la parte grafica, come avviene con la progettazione CAD, ma anche tutti gli aspetti tecnici, le funzionalità e le prestazioni di un oggetto, permettendo di sapere in anticipo se un progetto è sostenibile o meno. E’ in sintesi quanto offre il BIM (Building Information Modeling), una piattaforma tridimensionale che coinvolge tutte le figure del comparto: dai produttori di impianti e di materiali che dovranno mettere a disposizione gli oggetti disegnati per l’ambiente BIM, agli utilizzatori, come i progettisti, gli studi di architettura e di ingegneria, sino ai fornitori di software.

Ma in Italia siamo pronti a questa innovazione? Secondo il BIM Report 2019 realizzato dall’associazione ASSOBIM, le imprese e i professionisti hanno un buon livello di conoscenza di questa metodologia (meno del 10% dichiara di non conoscerla) e oltre la metà del campione intervistato ha già adottato il BIM nei propri progetti estesamente o parzialmente. Nonostante il tema sia diventato sempre più centrale, c’è ancora un terzo che non la utilizza affatto, anche se entro i prossimi tre anni questo gap sarà colmato in quanto un ulteriore terzo ha in previsione di adottarla.

Le nuove tecnologie come il BIM, la modellazione 3D, la mappatura e il rendering, la realtà virtuale, l’intelligenza artificiale e tanto altro saranno al centro di DIGITAL&BIM ITALIA 2019, due giorni di approfondimenti sui temi che riguardano il futuro delle costruzioni.

Un evento che si articolerà tra 5 focus tematici (Digital twins – Intervenire sull’Esistente; Geospaziale, Geomatica e Smart Land; Costruzioni 4.0; BIM e Digitalizzazione; Smart Data e Intelligenza Artificiale);  una conferenza internazionale suddivisa in 4 sessioni con la partecipazione di top speaker europei e della community dei giovani professionisti di Italians in Digital Transformation UK (IDTUk); 5 Convegni; 4 Laboratori di approfondimento; 11 Arene tematiche e un’area dimostrativa dedicata alle Costruzioni 4.0. Non solo esposizione, quindi, ma oltre 50 sessioni di formazione e informazione.