Brexit, l’entusiasmo degli ultimi giorni è già scemato

Brexit, l’entusiasmo degli ultimi giorni è già scemato

C’era stato forse troppo entusiasmo nell’accogliere le novità su Brexit. Si era pensato a un accordo sempre più imminente, ma in realtà le cose non stanno marciando così spedite come si sperava, ed è per questo che la sterlina sta perdendo una bella fetta dei guadagni accumulati settimana scorsa.

Comprare Follower, Comprare Like, Social Media Marketing

Le ultime novità dal fronte Brexit

brexitMentre ci avviciniamo sempre di più alla scadenza del 31 ottobre, data del divorzio tra Londra e Bruxelles, l’ultimo round di colloqui sulla Brexit non è riuscito a dare una svolta. Malgrado ci siano comunque stati segnali di progressi nelle discussioni, rimangono ancora le divergenze sulla questione del confine irlandese e gli accordi doganali dell’Irlanda del Nord. Per questo il precedente ottimismo degli investitori è scemato.

Il capo negoziatore Ue per la Brexit Michel Barnier – che tiene aggiornati i 27 ambasciatori dell’Ue su come stanno avanzando i negoziati fra l’Ue ed il Regno Unito – si è detto convinto che ci sia “ancora molto lavoro da fare”. Nelle stesse ore Downing Street ha fatto sapere che Johnson ha aggiornato i suoi ministri sui progressi nei negoziati, ribadendo che “una via all’accordo può essere trovata ma c’è ancora molto lavoro da fare”.

Il tempo stringe

Il punto però è che il tempo stringe, ed è per questo che molti ritengono che il Regno Unito chiederà un’altra estensione all’UE prima della scadenza del 31 ottobre. Del resto l’accordo dovrebbe arrivare prima del vertice dell’UE (in programma prima del prossimo weekend), che è ancora scettica nei confronti di alcuni elementi dell’intesa tra il premier irlandese Varadkar e Boris Johnson. Il calendario economico che si può vedere su tutti i broker forex regolamentati Consob, non gioca quindi a favore di un accordo.

Mercati nervosi, sterlina in calo

La marcia spedita della valuta britannica ha logicamente subito una battuta di arresto. La sterlina inglese ha reagito negativamente a queste precisazioni, allontanandosi dai massimi di periodo toccati i giorni scorsi. Il cambio con il dollaro GBPUSD è sceso di oltre l’1%, prima di risalire verso quota 1.2601. Dopo aver guadagnato circa il 2% settimana scorsa contro l’euro, la valuta britannica si è indebolita di circa mezzo punto percentuale. La coppia EURGBP viaggia adesso a 0.87463. Qui invece è spiegato l’andamento cambio euro lira turca previsioni 2019.

Alla luce degli ultimi sviluppi, sembra che i mercati abbiano adottato un approccio di attesa prima di prendere qualsiasi decisione. Del resto manca davvero poco tempo per sapere con certezza se un accordo ci sarà oppure no.